Investire nel settore farmaceutico: come fare

October 8th, 2022

Se stai considerando di investire nel settore farmaceutico dovresti considerare il fatto che si tratta di un settore anticiclico, cioè che non subisce correzioni dovute all'andamento dell'economia. Anche le aziende farmaceutiche quotate in borsa investono in ricerca e sviluppo e possono subire un aumento o un calo dei prezzi a seconda dell'andamento dei loro trials.

Con l'arrivo del Coronavirus e della pandemia globale, le azioni di molte aziende farmaceutiche sono salite vertiginosamente. A causa della corsa ai vaccini, si sono verificate nuove scoperte in altri campi come l'oncologia. Per comprendere alcuni aspetti essenziali del settore in generale, è fondamentale sapere che le aziende farmaceutiche vendono farmaci e terapie ma non solo. Queste aziende producono anche prodotti biologici, che comprendono sostanze attive, sintetiche o estratte, per uso umano e veterinario.

Secondo l'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, la spesa sanitaria globale è quasi raddoppiata negli ultimi 20 anni. Si stima che gli italiani spendano circa 2.000 dollari pro capite all'anno per l'assistenza sanitaria. In Paesi come l'Africa, la spesa è di soli 50 dollari all'anno.

Vedi questo interessante video:

Dal 2001 al 2020, i ricavi dell'industria farmaceutica sono passati da 390,2 milioni di dollari a 1.265 miliardi di dollari, secondo i dati di Statista, e li Stati Uniti risultano essere attualmente il più grande mercato farmaceutico al mondo. Ma cosa significa investire nel settore farmaceutico? Come fare? Continua a leggere per scoprire come funzionano gli investimenti in questo campo e quali sono le implicazioni da considerare.

Investire nel settore farmaceutico: come funziona?

Il settore farmaceutico è composto da aziende che producono farmaci e attrezzature mediche. Per quanto riguarda l'industria farmaceutica, è necessario conoscerne la composizione per capire come si comportano i titoli sui mercati. Il segmento farmaceutico dell'industria sanitaria (o healthcare) produce specificamente farmaci e attrezzature per il trattamento, la cura e l'analisi. Prima di essere messi in vendita, i farmaci devono essere sottoposti a lunghe fasi di ricerca e sviluppo.

Le aziende farmaceutiche sono influenzate dall'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) e dalla statunitense Food and Drugs Administration (FDA), oltre che dai loro pareri. I prodotti farmaceutici non sono sinonimo di biotecnologia. Contrariamente a quanto si pensa, non sono la stessa cosa. Nella biotecnologia si utilizzano organismi vivi, come batteri o enzimi, mentre per creare prodotti farmaceutici si utilizzano sostanze chimiche, solitamente artificiali. Questi due campi, pur sembrando molto simili, hanno profili di rischio completamente diversi.

Leggi il nostro articolo di approfondimento sugli investimenti nella biofarmaceutica.

Settore farmaceutico, la sperimentazione

Le grandi aziende del settore farmaceutico, come Bayer, operano mantenendo un alto livello di ricerca e sviluppo e utilizzando ricavi stabili, provenienti dai prodotti esistenti. L'equilibrio di un'azienda si mantiene proprio attraverso il mantenimento di una pipeline diversificata di prodotti in varie fasi di sviluppo. Prima che venga concesso il brevetto di un farmaco, la ricerca e la sperimentazione possono durare fino a 15 anni o più senza che il progetto produca un profitto.

Solo una piccola percentuale delle sostanze farmaceutiche in fase di sviluppo raggiunge il mercato. Anche dopo aver raggiunto il mercato, i farmaci devono sottostare alle rigide normative delle autorità, che possono cambiare in qualsiasi momento alla luce delle nuove scoperte.

Di conseguenza, questa piccola percentuale deve ripagare i milioni di dollari investiti nel settore e sostenere i futuri sforzi di ricerca. Le grandi aziende farmaceutiche, che ottengono un'ampia gamma di ricavi, tendono a sopportare meglio le fasi di sperimentazione rispetto alle industrie biotecnologiche più piccole e meno affermate. Tra le principali azioni di aziende nel settore farmaceutico troviamo:

Investire nel settore farmaceutico: perché conviene?

Una delle domande più importanti da porsi nella scelta di un investimento è se esso produrrà o meno i risultati desiderati. Gli utenti devono rispondere a questa domanda quando scelgono i settori da includere nei loro portafogli, anche nel caso stiano pensando di investire nel settore farmaceutico.

Esiste un reale potenziale di crescita?

I titoli farmaceutici fanno solitamente parte di un portafoglio cosiddetto a cassetto, cioè si tratta di quel tipo di investimento che viene fatto da chi vuole minimizzare la volatilità del mercato e può sostenere un rendimento a lungo termine. Grazie alla ricerca e allo sviluppo, il settore farmaceutico è in continua espansione e i fattori di instabilità economica non lo influenzano: fa parte di un meccanismo fondamentale per il benessere delle persone.

Le aziende del settore sanitario possono includere ospedali, centri medici, aziende farmaceutiche e qualsiasi altro fornitore di servizi, direttamente o indirettamente collegati alla sanità, alla medicina e ai prodotti correlati. All'interno di questa macrocategoria sono annidate delle sottocategorie: 

  • Aziende biotecnologiche e farmaceutiche che sviluppano, producono e vendono farmaci, test, terapie o vaccini.

  • produttori di apparecchiature mediche che producono, fabbricano e commercializzano gadget medici che assistono i pazienti o i medici. 

Investire in azioni farmaceutiche: come fare

Ci sono diversi veicoli d'investimento che consentono agli investitori di personalizzare il proprio portafoglio in base ai propri obiettivi d'investimento, tra cui la conoscenza del mercato farmaceutico, il livello di tolleranza al rischio, la disponibilità di capitale, l'orizzonte temporale dell'investimento e il tipo di transazione che si desidera effettuare. Gli investitori possono trarre vantaggio dall'investimento in società farmaceutiche che producono medicinali o farmaci, confezionano prodotti medicinali o producono componenti chimici attivi per uso farmaceutico.

Chi vuole investire poco denaro può farlo con in prodotti derivati come i CFD. Un investitore può infatti decidere di negoziare i CFD per ottenere un'esposizione al settore farmaceutico e biotecnologico nel suo complesso o a una singola azienda. I CFD non acquistano direttamente le azioni, ma piuttosto un contratto che ne imita il prezzo.

Investire in azioni farmaceutiche: pro e contro

Esaminiamo i pro e i contro del settore farmaceutico per comprenderne meglio le possibilità e gli svantaggi. Tra i vantaggi che possono suscitare l'interesse di un investitore vi è il fatto che l'industria farmaceutica è intrinsecamente anticiclica e risente in misura minima delle recessioni economiche. Gli innovatori del settore farmaceutico sono alla continua ricerca di processi e prodotti nuovi ed entusiasmanti in quanto i nuovi brevetti sono fondamentali per la redditività.

Oltre ai vantaggi, però, ci sono anche degli svantaggi da considerare. In primo luogo, i farmaci hanno lunghi periodi di sperimentazione, che durano più di 15-20 anni e possono non concludersi positivamente. Le aziende farmaceutiche inoltre reagiscono ai pareri della FDA e dell'EMA e la natura competitiva del settore è estremamente elevata.

L'umanità continua a crescere in termini di numero e di età, quindi le nuove frontiere della sanità possono aiutare le persone a vivere uno stile di vita più confortevole. Poiché il settore healthcare è particolarmente adatto agli investimenti a lungo termine, un maggior numero di individui avrà accesso alle cure nei Paesi in via di sviluppo, con conseguente ampliamento del mercato. Proprio per questo, però, questo settore potrebbe essere una sfida per chi preferisce investire a breve termine.

Settore farmaceutico: market mover

I fattori che causano il movimento del mercato (market mover) non devono essere trascurati quando si parla di investimenti. Ci sono alcuni punti importanti da considerare, tra cui un'analisi del contesto relativo alle normative sanitarie locali o globali. Bisogna interrogarsi sugli avvenimenti più importanti nel campo della ricerca e dello sviluppo delle aziende farmaceutiche, che potrebbero avere implicazioni negative o positive per uno specifico titolo.

Anche le cause legali passate o pendenti riguardanti l'uso di specifici farmaci possono influire sull'andamento di un titolo. Conoscendo gli aspetti positivi e negativi, gli elementi che possono influenzare i movimenti di prezzo, è possibile valutare con maggiore precisione i broker del mercato e gli strumenti con cui operare.

Broker per investire nel settore farmaceutico

Prima di investire in azioni farmaceutiche, dovete selezionare un broker che esegua le transazioni per voi. Per individuare il broker migliore per le vostre esigenze, dovete comprendere e determinare diversi elementi critici di questo settore, tra cui il capitale, la frequenza con cui volete operare, il vostro livello di esperienza nel trading, l'affidabilità del broker stesso e altri ancora.

Di conseguenza, abbiamo messo insieme un elenco di broker. Qui troverete alcune delle migliori piattaforme di trading legali, tra le più conosciute e popolari.

  • Deposito Min: 250

    Licenza: HCMC 2/11/24.5.1994

    Segnali di Trading Gratuiti

    Corso di Trading Gratuito

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 109/10

    Copia i migliori Trader

    Scelta TOP criptovalute

    Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 250/14

    Tra I migliori broker CFD

    Ampia scelta Criptovalute

    86% degli investitori retail perdono denaro quando operano con questo broker

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 292/16

    Formazione Gratuita

    Consulente Personale

    69.57% of retail investor accounts lose money when trading CFDs with this provider

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 169/12

    1500 Strumenti disponibili

    Premio Wealth & Finance 2018

  • Deposito Min: 20 (con carta)

    Licenza: Cysec 319/17

    Proposte senza commissioni

    Formazione Gratuita

    Il 84% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro