Cos'è il Trading online e come iniziare

Oscar Manfrin
May 25th, 2022

Cos'è il trading online, come iniziare a fare trading e che strumenti usare per investire nei mercati finanziari di tutto il mondo? Leggi la nostra guida completa ma prima guarda anche questo interessante e pratico video.

Il trading online è diventato popolare dopo gli anni 2000 con l'espansione di Internet e l'aumento del numero di broker online. È un'attività che ora è stata democratizzata e chiunque può commerciare sui mercati finanziari (noi però suggeriamo di seguire un'adeguato periodo di formazione anche usando una demo come questa)

Cos'è il trading online?

Il trading online è semplicemente l'acquisto e la vendita di strumenti finanziari al fine di ottenere un profitto, svolto attraverso broker online che agiscono come intermediari tra gli individui e i mercati finanziari. Questi broker permettono di aprire un conto di trading e di avere accesso a una piattaforma di trading, che è un'interfaccia che garantisce un accesso facile e veloce ai mercati finanziari di tutto il mondo.

Sono finiti i giorni in cui si andava alle borse per negoziare sul mercato aperto. Oggigiorno è possibile negoziare sui mercati da casa con il proprio pc o in mobilità con uno smartphone attraverso dedicate app per fare trading online.

Il trading online è un'attività che richiede un investimento personale e finanziario. Questa attività comporta un processo di apprendimento e la formazione può richiedere anche diversi anni. Prima è importante conoscere tutti i mercati finanziari, e poi si deve considerare quali prodotti finanziari sono più adatti al proprio reddito e alla propria propensione al rischio.

Una volta trovato il mercato più appropriato, sarà necessario fare ulteriori ricerche per sviluppare una strategia di trading adeguata.

Leggi il nostro articolo su come funziona la borsa.

Trading Online: significato

Fare trading quindi significa comprare e/o vendere qualsiasi tipo di bene che viene scambiato nei diversi mercati finanziari, con l'obiettivo di ottenere un profitto da questa attività. Nel trading ci sono diversi modi per generare profitti. Uno di questi è quello di comprare un bene quando il suo valore è basso nella speranza che alla fine aumenterà di prezzo e potrà essere venduto. In questo caso, il profitto è la differenza dei valori a cui è stato acquistato e successivamente venduto. Al contrario, se qualcuno compra un'attività e il suo prezzo inizia a sperimentare una traiettoria al ribasso, si verificheranno delle perdite.

Tuttavia, nel trading ci sono anche strumenti attraverso i quali si può comprare l'attività sottostante. Usando questa opzione, si possono generare profitti sia al rialzo che al ribasso, a seconda della posizione con cui si apre il trade. Le piattaforme per fare trading online permettono di operare vari tipi di attività, tra cui spiccano criptovalute, coppie di valute, materie prime, azioni aziendali, ETF, Forex, tra gli altri. Più tardi approfondiremo l'argomento di questi beni e come si differenziano.

La chiave per capire come fare trading è capire i movimenti del mercato, essere il più informato possibile e decidere quando è il momento migliore per investire, se si vuole fare trading aspettando un aumento o un calo dell'asset.

Ora, probabilmente vi starete chiedendo "come si fa a sapere quando è il momento migliore per fare trading? Beh, la verità è che non c'è una sola risposta a questo. Per capire il mercato, è necessario applicare tre azioni principali:

  1. realizzare un'analisi tecnica

  2. realizzare un'analisi fondamentale

  3. realizzare una strategia ben definita basata sulle due azioni precedenti.

Parleremo di questi tipi di analisi, delle loro caratteristiche principali e di altri dettagli più avanti.

Come iniziare a fare trading online?

Per iniziare nel mondo del trading ti consigliamo di verificare che stai facendo trading attraverso una piattaforma che è governata da regolamenti internazionali. Oggi, il modo più efficiente per fare trading è attraverso un broker regolamentato che negozia i CFD (Contratti per differenza). Questi contratti permettono di fare trading sulla variazione del prezzo delle azioni, sia al rialzo che al ribasso. Con i CFD non diventi proprietario dell'azione; stai investendo in un contratto che utilizza la variazione del prezzo come sottostante.

Facendo trading con i CFD, gli investitori possono accedere a vantaggi come guadagnare sulla differenza dei prezzi, vendere allo scoperto, ed eseguire operazioni con zero spese di commissione, oltre ad accedere a bassi spread.

Inoltre, con i CFD si ha la possibilità di usare la leva finanziaria. Questo strumento permette di aumentare il valore al quale si desidera aprire il trade, utilizzando una percentuale fornita dal broker. Tuttavia, si dovrebbe essere molto cauti con questa possibilità, in quanto i risultati possono essere abbastanza sfavorevoli in caso di perdita.

Leggi il nostro approfondimento su cosa sono i CFD.

Come scegliere il broker per fare trading online

Come trader al dettaglio, è necessario utilizzare i broker online per accedere ai mercati finanziari. Ci sono centinaia di broker online e la maggior parte di loro non sono regolamentati.

È importante scegliere con cura il proprio broker. È bene trarre un profitto dal trading, ma non ne vale la pena se non puoi ritirare i tuoi profitti. Abbiamo visto broker in passato scomparire da un giorno all'altro con i fondi dei loro clienti.

Su Startborsa.com presentiamo solo broker affidabili che sono almeno regolati da un'autorità di mercato. Tuttavia, alcuni sono più vantaggiosi di altri, soprattutto in termini di commissioni e altri servizi disponibili per i clienti. Ecco una tabella con alcuni dei principali broker per fare trading online:

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 109/10

    Copia i migliori Trader

    Scelta TOP criptovalute

    Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min:

    Licenza: 275/15

    Investimenti in IPO

    Conto deposito 3%

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 250/14

    Tra I migliori broker CFD

    Ampia scelta Criptovalute

    77% degli investitori retail perdono denaro quando operano con questo broker

  • Deposito Min: 20 (con carta)

    Licenza: Cysec 319/17

    Proposte senza commissioni

    Formazione Gratuita

    Il 83,45% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 292/16

    Formazione Gratuita

    Trading Central

    69.57% of retail investor accounts lose money when trading CFDs with this provider

Alcuni broker offrono formazione online gratuita, webinar, così come vari strumenti che sono essenziali per un corretto trading. Questi includono un calcolatore di posizione, un calendario economico, un feed di notizie finanziarie ed anche delle app che consentono di investire piccole somme se non vogliamo usare molto denaro.

Spread e commissioni

I broker fanno pagare delle commissioni sul trading online e l'accumulo di commissioni può ridurre significativamente i vostri guadagni o aumentare le vostre perdite. Alcuni broker, tuttavia, non fanno pagare commissioni, ma piuttosto guadagnano il loro reddito dallo spread. Lo spread è la differenza tra il prezzo di acquisto ed il prezzo di vendita.

È importante capire che quando si vuole vendere un bene, lo si fa al suo prezzo di acquisto. Al contrario, quando vuoi comprarlo, lo fai al suo prezzo di vendita, il che è logico. Si paga lo spread, per così dire, ogni volta che si chiude una posizione che è stata aperta.

Regolamentazione

Come abbiamo già detto, i broker devono essere registrati presso le autorità di mercato. Il loro ruolo è quello di garantire che queste istituzioni finanziarie siano conformi alle linee guida e ai requisiti dei servizi finanziari. Le più note nel settore del trading online sono:

  • FCA (Financial Conduct Authority), l'autorità dei mercati finanziari nel Regno Unito

  • ASIC (Australian Securities and Investments Commission), il regolatore australiano.

  • CySEC

In quali tipi di mercati dovrei investire?

Oggi il trader al dettaglio può accedere a tutti i mercati finanziari grazie alla moltitudine di derivati che sono stati creati. Quindi quali mercati si possono negoziare online?

In questo video puoi avere qualche idea interessante su come trovare opportunità per fare trading ed investire:

Puoi approfondire l'argomento iscrivendoti ad eToro e studiando il materiale presente nella trading academy. Vediamo ora più nel dettagli i vari mercati.

Forex

Il Forex è uno dei mercati finanziari più popolari per il trading online ed è qui che vengono scambiate le coppie di valute. Il Forex è il più grande mercato finanziario del mondo con un volume medio giornaliero di scambi di 5500 miliardi di dollari. Le valute vengono comprate e vendute in coppia. Per esempio, se vuoi comprare il dollaro americano, devi contemporaneamente vendere un'altra valuta, come ad esempio l'euro. Vendere l'EUR/USD equivale a comprare il dollaro contro l'euro. Al contrario, comprare l'EUR/USD è come comprare l'euro vendendo il dollaro.

Il Forex è il mercato più accessibile per il trading online (escludendo le criptovalute), poiché è aperto 24 ore al giorno, 5 giorni alla settimana. Inoltre, i broker Forex offrono un'alta leva finanziaria per fare trading, che ti permette di moltiplicare i tuoi guadagni così come le tue perdite.

Materie prime

Le materie prime sono prodotti naturali o agricoli che usiamo nella nostra vita quotidiana. Le materie prime più scambiate sono quotate in borse come il New York Mercantile Exchange (NYMEX). I prezzi delle materie prime sono governati dalla legge della domanda e dell'offerta. Anche i fattori macroeconomici e le decisioni politiche possono influenzare il mercato delle materie prime.

Come trader retail, il mercato delle materie prime è alla tua portata. I derivati come i CFD ti permettono di speculare sul prezzo delle materie prime approfittando della leva offerta dal tuo broker.

Il mercato azionario

Quando un'azienda ha bisogno di un finanziamento, può usare un finanziamento indiretto attraverso una banca. Ma può anche raccogliere capitale privato emettendo obbligazioni o vendendo azioni.

Un'azione è una forma di proprietà che rappresenta una quota del capitale della società. Gli azionisti che possiedono azioni della società raccolgono dividendi (o profitti) se la società è redditizia.

Le azioni delle aziende più grandi sono quotate in borsa. Sono quindi negoziabili attraverso piattaforme di brokeraggio online. Tuttavia, grazie ai derivati, non è necessario possedere un'azione per approfittare del suo prezzo crescente. I CFD ti permettono di fare trading sul prezzo di un'azione sia al rialzo che al ribasso senza investire nella società in questione.

Leggi come investire in azioni online.

Indici

Gli indici sono indicatori che rappresentano un paniere di attività del mercato azionario. Possono essere un gruppo di azioni quotate come il FTSE Mib. Gli indici permettono di investire in un gruppo di attività. Quando un indice sale, è perché tutte le aziende che lo compongono sono in buona salute finanziaria. Allo stesso modo, quando un indice si deprezza, è un segno che tutte le aziende che lo compongono sono in difficoltà.

Questa logica è comunque relativa, perché in un mercato toro si possono avere indici che scendono leggermente per diversi giorni prima di continuare a salire. Gli indici più popolari sono gli indici azionari: SP500, Nasdaq e Dow Jones.

ETF

Gli ETF (Exchange Traded Funds) funzionano come i fondi comuni, ma replicano gli indici. Questi possono essere indici azionari o indici di settore. Ci sono anche ETF sulle materie prime. A causa dei loro vantaggi, gli ETF stanno diventando sempre più popolari e stanno occupando più spazio nel capitale gestito dai fondi. Infatti, gli ETF permettono la diversificazione del portafoglio investendo in un paniere di attività. Inoltre, hanno tasse più basse rispetto ad alcuni fondi comuni.

Alcuni broker offrono il trading di ETF sotto forma di CFD, semplificando così il trading di ETF.

Criptovalute

Il mercato delle criptovalute è relativamente nuovo. La prima criptovaluta, Bitcoin, è stata creata nel 2009. A differenza del denaro fiat tradizionale (euro, dollaro, yen, ecc.), le criptovalute sono scambiate solo in forma digitale. Queste valute virtuali sono basate su una tecnologia chiamata blockchain. Non hanno bisogno dell'intervento delle banche, poiché vengono scambiati direttamente tra tra gli individui. Le criptovalute non sono emesse dalle banche, ma create attraverso un processo complesso chiamato mining.

Oggi ci sono più di 2000 criptovalute e possono essere scambiate attraverso i diversi siti di criptovalute che esistono. I broker offrono anche il trading di criptovalute attraverso i CFD che sono uno strumento che replica l'andamento delle stesse.

La volatilità delle criptovalute è molto alta, quindi si consiglia cautela quando si opera in questo mercato.

Come si fa trading?

Puoi vedere questo video che riassume le basi del trading:

Puoi approfondire l'argomento iscrivendoti ad eToro e studiando il materiale presente nella trading academy.

I trader hanno generalmente tre approcci per fare trading:

  • analisi tecnica

  • analisi fondamentale

  • analisi quantitativa.

Analisi tecnica

L'analisi tecnica si concentra sullo studio dei prezzi storici degli asset. Il trader di analisi che si dedica all'analisi tecnica usa solo i grafici, ai quali può aggiungere indicatori tecnici per semplificare la sua analisi. L'analisi tecnica guarda anche i modelli grafici che si ripetono nel mercato (triangoli, canali, supporti e resistenze, ecc.). I trader tecnici hanno spesso un approccio a breve termine.

Analisi fondamentale

L'analisi fondamentale si concentra maggiormente sugli aspetti macroeconomici che possono influenzare il mercato. In particolare, fenomeni esterni al mercato come la salute economica di un settore, di un paese o anche di un'area geografica. L'analisi fondamentale è lo strumento preferito dagli investitori che hanno una visione a lungo termine.

Analisi quantitativa

L'analisi quantitativa è l'applicazione della matematica ai mercati finanziari. L'analisi quantitativa è il processo di analisi di grandi quantità di dati di mercato per trovare una strategia di trading che abbia una percentuale di probabilità di riuscita più elevata. Questo metodo di trading online si concentra sulla storia dei prezzi e sul volume ma può anche usare indicatori tecnici nella sua analisi.

Il trading online è rischioso?

Quando si fa trading online si esposti sui mercati finanziari ed i prezzi fluttuano costantemente a volte anche in modo brusco. Tra i fattori che possono sconvolgere i mercati ci sono le notizie economiche.

Nel Forex, per esempio, il rilascio dei Non-Farm Payrolls statunitensi, può causare oscillazioni improvvise anche in pochi secondi. Lo stesso può accadere anche dopo un cambiamento dei tassi d'interesse da parte di una banca centrale.

Nel mercato azionario, così come per i prezzi delle materie prime, si è soggetti ad altri fattori che però pur sempre possono causare movimenti improvvisi e quindi potenziali guadagni o perdite. Tuttavia, è possibile mitigare i rischi del trading implementando una strategia di gestione del rischio.

Il rischio nel trading: money management

La maggior parte dei principianti si concentra solo sulla parte tecnica, con la strategia per entrare e uscire da una posizione. Tuttavia, è altrettanto importante sapere quale percentuale del tuo capitale rischierai per ogni posizione. Ci sono diversi tipi di gestione del rischio. Alcuni metodi sono più aggressivi di altri, a seconda della vostra avversione al rischio, troverete il money management più adatto a voi.

Ci sono due elementi essenziali per gestire il proprio trading.

  1. Lo stop loss: permette di liquidare le posizioni quando il mercato continua a muoversi nella direzione opposta alla tua previsione. È uno strumento che offre protezione contro le perdite incontrollate.

  2. Il take profit: chiude la tua posizione quando l'obiettivo di profitto viene raggiunto. Idealmente, si dovrebbe posizionare un take profit più lontano dal punto di entrata rispetto allo stop loss. Così facendo, si ha un rapporto rischio/ricompensa favorevole.

Gestione del rischio

L'azione principale per gestire il rischio è informarsi. Dovresti conoscere quanti più dati e informazioni possibili sul mercato, così come sugli asset a cui sei interessato. È anche importante chiarire che in questa attività non si dovrebbe mai mettere in gioco più denaro di quello che si può perdere, nel caso in cui le operazioni non abbiano il risultato previsto.

Inoltre, una delle tecniche di gestione del rischio più popolari è la diversificazione, cioè non mettere tutto il tuo capitale in un'attività o classe di attività, ma variarlo per ridurre il rischio di perdita. Si dice popolarmente che "non bisogna mettere tutte le uova in un solo paniere".

Mettendo in pratica queste conoscenze puoi stabilire una strategia che ti permetterà di aumentare le tue possibilità di ottenere un profitto dal trading.

Ricorda che il trading è un'attività personale, in cui dovresti concentrare i tuoi investimenti secondo il tuo profilo di investitore. Allo stesso modo, si raccomanda di avere una visione del trading come un'attività che dà i suoi migliori frutti a lungo termine, attraverso la perseveranza e l'apprendimento permanente. Bisogna tenere presente che il trading è razionale e che si possono applicare tecniche per ridurre il rischio. In questo ordine di idee, l'ultima raccomandazione per gestire il rischio è di evitare di lasciarsi trasportare dalle emozioni.

Conclusioni

Riassumendo ciò che abbiamo appena discusso, possiamo dire che il trading significa fondamentalmente negoziare un qualche tipo di bene disponibile sul mercato con l'obiettivo di ottenere un beneficio economico da esso. Attraverso questa attività economica, possono essere scambiati beni come criptovalute, coppie di valute, materie prime, azioni aziendali, ETF, tra gli altri.

La persona che si dedica al trading è conosciuta come "trader" e deve sviluppare le seguenti abilità: capacità analitiche, gestione del rischio, controllo emotivo, resilienza, adattamento al cambiamento e disciplina.

D'altra parte, il trading ha diversi stili in cui ci si può collocare. I più noti sono: scalping, day trading, swing trading.

Inoltre, è possibile utilizzare la leva finanziaria per aumentare i profitti, ma questo strumento comporta un rischio enorme, in quanto moltiplica anche le perdite se le operazioni non vanno a buon fine.

Infine, se stai pensando di intraprendere il trading, è essenziale che tu faccia trading su una piattaforma regolamentata. Questo aspetto vi permette di sapere attraverso quale piattaforma è sicuro depositare il vostro denaro, senza correre il rischio di truffe.

ATTENZIONE: I broker sono piattaforme multi-asset che offrono sia l'investimento in azioni e cripto-asset, sia il trading di asset CFD. Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se capisci come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere i tuoi soldi.

Leggi come investire 100 euro nel trading.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro