Come investire in indici di borsa?

Livio Colombo
August 23rd, 2022

Come investire in indici di borsa? Prendiamo in esame come è possibile per il piccolo/medio investitore investire negli indici di borsa attraverso broker regolamentati. In questo modo sarà possibile investire nel Nasdaq, nel Dow Jones o in moltissimi altri indici di tutto il mondo.

Vedi questo interessante video:

Investire in indici di borsa non è complicato e lo si può fare tramite le piattaforme elencate nel corso dell'articolo. Questi programmi di trading vi permetteranno di investire al rialzo o al ribasso negli indici. Per operare in modo semplice e sicuro, suggeriamo la piattaforma di eToro. In alternativa, si può fare trading sugli indici utilizzando una piattaforma di trading CFD come quella di Capex.

Per un approfondimento specifico per ciascun indice vedi:

Come investire in indici di borsa

Un modo per farlo in modo semplice è attraverso le piattaforme di broker di trading online. Ecco la procedura da seguire.

Investire negli indici di borsa in 3 passi

00:05 Minuti Richiesti

Segui questi passaggi per iniziare a investire nelle borse mondiali.

  1. Registrazione

    Registrarsi alla piattaforma di scambio e verificare il conto. Potete farlo da qui.
  2. Depositare

    Effettuare un deposito tramite i metodi di pagamento disponibili.
  3. Eseguire l'operazione

    Utilizzare il capitale o parte di esso per investire nell'indice che si desidera. Attraverso i CFD si può investire sia al rialzo che al ribasso, sfruttando un eventuale crollo dei prezzi.

Ognuna di queste piattaforme di trading per investire negli indici ha delle caratteristiche non solo interessanti ma oltremodo importanti.

A titolo d'esempio per tutti gli indici di borsa, potete vedere questo video sul SP500:

Piattaforme per investire in indici di borsa

Le piattaforme che andremo ad approfondire sono tutti broker che offrono l'investimento in CFD, Contratti per differenza. Sono strumenti complessi che replicano l'andamento dell'asset sottostante (azione, indice, materie prime, etc).

Aprendo una posizione quindi non si viene in possesso dell'asset, ma si negozia sulla differenza di prezzo intervenuta in un certo periodo tempo. Otterrò profitti se la mia previsione sarà in linea con il trend effettivo, altrimenti subirò delle perdite. Qui un elenco delle principali piattaforme regolamentate per investire in indici di borsa:

  • Deposito Min: 250

    Licenza: Cysec 204/13

    Copia i Migliori Trader

    1000 asset negoziabili

    I derivati sono strumenti complessi e implicano un alto livello di rischio

  • Deposito Min: 20 (con carta)

    Licenza: Cysec 319/17

    Proposte senza commissioni

    Formazione Gratuita

    Il 83,45% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 109/10

    Copia i migliori Trader

    Scelta TOP criptovalute

    Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 250/14

    Tra I migliori broker CFD

    Ampia scelta Criptovalute

    77% degli investitori retail perdono denaro quando operano con questo broker

Il grande vantaggio di investire in CFD è che si possono ottenere profitti anche in caso di ribasso del titolo: in questo caso si dovrà aprire una posizione short di vendita allo scoperto. E' inoltre possibile applicare la leva finanziaria, una funzione che può moltiplicare sia i profitti ma anche le perdite.

Sono tutte piattaforme regolamentate. Hanno sia licenza FCA, per operare nel Regno Unito che CySec per operare in Europa. Avere questa regolamentazione offre una tutela in più per gli utenti delle piattaforme in caso di insolvenza o altre situazione critiche a cui un broker potrebbe andare incontro. Leggi di più sui migliori broker Cysec.

Tutte le piattaforme considerate offrono un conto demo senza limiti di tempo e gratuitamente.

Caratteristiche delle piattaforme

Vediamo ora nello specifico 3 di queste piattaforme.

eToro

eToro è una piattaforma sul web dal 2007, diventata famosa per il suo Copy Trading, cioè la possibilità di replicare la strategia posta in essere dai trader più esperti. Come investire con gli Indici di Borsa attraverso eToro?

Pochi semplici passi:

  • Registrarsi su eToro

  • Selezionare Mercati nella barra di sinistra e successivamente cliccare su Indici

  • Si avrà la possibilità di negoziare su 13 tra i maggiori indici mondiali (non c'è quello italiano)

Una volta scelto l'indice su cui negoziare, cliccandoci sopra, avrete a disposizione tutta una serie di informazioni:

  • Feed

  • Statistiche (indica come è stato l'andamento dell'indice nel corso dell'ultimo anno o degli ultimi mesi) e aggiunge notizie relative all'importanza dello stesso

  • Grafici

Se desideriamo aprire una posizione di acquisto o di vendita basterà cliccare sul bottone azzurro INVESTI e verrà aperta una finestra dove potremo impostare i seguenti parametri:

  • importo (minimo sono 50€)

  • leva finanziaria (è possibile scegliere una leva fino a 1:20)

  • stop loss, take profit

Capital.com

Anche con Capital.com è possibile negoziare in CFD su Indici. Il ventaglio di indici su cui investire è molto più amplio (c'è anche il FSTE MIB italiano). Alcuni sono disponibili solo nella versione con il conto Live o reale. Per negoziare, dovrete decidere l'importo (non ci sono importi minimi), stop loss e take profit. La leva finanziaria, a differenza di ciò che è possibile fare con eToro, non è modificabile.

Plus500

Plus500 è leader nella fornitura di CFD, inclusi gli indici. Ha forse il ventaglio più ampio di indici su cui si può negoziare tra le tre piattaforme che stiamo prendendo in esame.

Come con Capital.com, una volta registrati su Plus500, la schermata che si aprirà vi presenterà tutte le informazioni in un blocco unico. Selezionate Negozia, cercate il sotto settore Indici e scegliete Tutti gli indici. Una volta selezionato l'indice interessato ed effettuata la propria analisi basteerà cliccare su Vendi o Acquista, dovrete impostare l'importo, take profit e stop loss.

Investire negli indici con gli ETF sugli indici azionari

Un modo per investire negli indici è anche quello di usare gli ETF sugli indici azionari.

Vedi questo interessante video:

Perché investire in Indici di borsa?

Sappiamo cosa sono gli indici e quali sono le borse più importanti al mondo. Quello che vogliamo capire adesso è il meccanismo che porta alla scelta di investire sugli indici, e qual è il processo che permette di farlo.

Partiamo da una differenza: l'investimento su un'azione (o su un gruppo di azioni) e l'investimento su un indice differiscono nella volontà di puntare su una singola società o su un gruppo di società, optando per la diversificazione del portafoglio. Puntare su una società implica la necessità di seguire le vicende di cui questa è protagonista, gli avvenimenti esterni ed interni, i piani strategici, etc. Puntare su un indice invece, significa interessarsi ad un insieme di società, eliminando quindi il rischio di concentrazione insito nell'investimento singolo.

Per questo motivo, investire sugli Indici di Borsa è considerato più semplice rispetto all'investimento sulle azioni. Facciamo un esempio: se valutate che un determinato paese crescerà entro un determinato anno (ad esempio l'Italia nel 2022), investire su un indice comporterà la scelta più semplice.

Indici di borsa per paese

Gli indici azionari dei paesi sono composti da azioni di società dello stesso paese e sono molto utili per misurare il sentimento degli investitori verso il paese in questione. Un esempio è l'IBEX 35, un indice azionario spagnolo composto dalle 35 maggiori società delle quattro borse spagnole.

Indici azionari per dimensione dell'azienda

Un altro tipo di indici azionari sono quelli che seguono criteri di dimensione delle aziende (large-cap, mid-cap, small-cap, micro, ecc.).

Esempi di tali indici sono lo STOXX Europe Small 200, che raggruppa 200 società europee a piccola capitalizzazione, o lo STOXX Europe Large 200, che raggruppa 200 società europee a grande capitalizzazione. In generale, gli indici del mercato azionario sono utilizzati come benchmark per i fondi di investimento azionario (quelli che investono in azioni).

Esempi:

  • L'indice MSCI World può essere utile come benchmark per un fondo azionario globale

  • l'Eurostoxx 50 come benchmark per un fondo azionario europeo

  • l'IBEX 35 sarà confrontato con un fondo azionario spagnolo.

Leggi anche come investire in azioni online.

Indici di borsa settoriali

Gli indici azionari settoriali sono indici che includono azioni di società in un settore specifico.

In effetti, ci sono indici per quasi tutti i settori dell'economia mondiale:

  • indici di azioni tecnologiche, come il Nasdaq americano

  • indici del settore finanziario

  • indici del settore farmaceutico

  • indici delle azioni dei trasporti aerei

  • indici della sanità

  • indici del settore automobilistico

  • indici immobiliari

  • indici di costruzione, alimentari, abbigliamento e accessori, e così via.

Gli indici azionari settoriali sono utili per analizzare la performance dei fondi di investimento che investono in settori molto specifici.

Indici di Materie Prime

Un indice di materie prime è un indice che tiene traccia del prezzo e dei rendimenti di un paniere di materie prime. Questi indici sono spesso accessibili per gli investimenti attraverso fondi comuni di investimento o fondi negoziati in borsa (ETF). Molti investitori che desiderano accedere al mercato delle materie prime senza entrare nel mercato dei futures decidono di investire in fondi indicizzati sulle materie prime.

Il valore di questi indici fluttua in base alle materie prime sottostanti; analogamente ai futures sugli indici azionari, questo valore può essere negoziato in borsa ed include la quotazione dell'oro, dell'argento e di altri metalli preziosi o di combustibili come il gas naturale, il petrolio o soft commodities come il grano o lo zucchero.

Se invece volete investire in una singola materia prima potete leggere:

Investire in indici: vantaggi e svantaggi

Finora avete visto alcune opzioni disponibili per investire in indici. Per concludere questa guida, riassumiamo quelli che consideriamo essere i principali vantaggi e svantaggi.

Sapevate che Warren Buffett, uno degli investitori di maggior successo al mondo, raccomanda ai suoi eredi di destinare il 90% della loro eredità all'investimento in un indice? Che uno degli investitori di maggior successo della storia faccia questa raccomandazione è molto significativo. Investire in indici, sia attraverso ETF o fondi indicizzati, ha numerosi vantaggi:

  • Diversificazione e diluizione del rischio rispetto ad altre alternative. Un singolo indice può contenere migliaia di aziende o attività. Se, inoltre, si crea un portafoglio con diversi indici, si può ottenere una diluizione del rischio molto alta.

  • È il mercato che decide in quali azioni o obbligazioni sarai investito. Il gestore dell'indice escluderà per voi le aziende che non soddisfano i requisiti o che non sono più in attività, e aggiungerà nuove aziende che, grazie al loro successo, sono degne di essere incluse nell'indice.

  • Non c'è bisogno di spendere tempo ad analizzare e cercare le migliori aziende. Il gestore dell'indice se ne occuperà.

  • State scommettendo sulla performance a lungo termine dei mercati e delle economie mondiali, e storicamente questa è una scommessa con un'alta probabilità di essere vincente.

  • Facilità di monitoraggio. Ogni indice segue criteri specifici ed è composto da aziende specifiche che, se lo desideri, puoi conoscere andando alla scheda dell'indice del gestore del fondo.

Se lo fai da solo, la pura scelta degli indici in cui investire può essere determinante. Inoltre, ci possono essere diversi fondi indicizzati o ETF che replicano lo stesso indice, nel qual caso si dovrebbe sapere come scegliere i migliori fondi indicizzati o ETF prima.

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto che le quotazioni di un indice riflettono quindi l'andamento dell'economia di una determinata nazione e fungono da trend o barometro dell’umore di un determinato mercato. Abbiamo inoltre spiegato che negoziare in Indici può essere un investimento meno redditizio ma più sicuro in quanto si negozia su un paniere diversificato di azioni, materie prime, futures.

Infine abbiamo visto come broker online, nello specifico eToro, Capital.com e Plus500, possono aiutare i trader a investire in questi indici.

Livio Colombo

Founder e Analista dei mercati

È un analista dei mercati. Si occupa di borsa e trading online dal 2011, e si è specializzato nella stesura di articoli relativi agli strumenti finanziari ed ai broker online. Ha scritto numerosi testi dedicati al mondo dei mercati finanziari e delle criptovalute.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro