Lezione 9 – Come guadagnano i Broker del Forex

April 15th, 2021

Non è raro imbattersi in un trader alle prime armi, curioso di scoprire come guadagnano i broker del forex. La domanda è legittima, considerando che molti di questi broker pubblicizzano i loro servizi parlando di zero canone, zero costi, grafici in tempo reale, conto demo, zero commissioni e così via. Com’è possibile?

Ovviamente i broker online traggono profitto dalle operazioni che i trader svolgono sulla propria piattaforma. Scopriamo insieme come.

Le commissioni nel Forex

Uno dei principali modi che un broker nel Forex ha per generare profitto è quello di applicare delle commissioni. Non tutti i broker lo fanno: più avanti vi parleremo di Plus500, una piattaforma molto valida che non applica questo tipo di commissione.

Per i broker che le prevedono, le commissioni si distinguono in:

  1. commissioni a spread fisso

  2. commissioni a spread variabile

  3. commissioni calcolate su una percentuale di spread

Prima di analizzare nel dettaglio ciascuna di queste tre tipologie, ricordiamo ai nostri lettori che lo spread (anche chiamato differenziale) è il risultato della differenza tra il prezzo d’acquisto e il prezzo di vendita: lo spread si misura in PIP.

Quale la migliore tipologia di Broker?

In un primo momento si potrebbe pensare che le commissioni a spread fisso siano quelle più convenienti per i trader: la verità è che la scelta della tipologia di spread non va sottovalutata.

Lo spread variabile, ad esempio, può arrivare ad essere nettamente più conveniente rispetto a quello fisso, proprio perché la sua variabilità gli consente di allargarsi a quote inferiori. Nel caso si scelga di affidarsi ad un broker con spread variabile, quello che ci si può aspettare è uno spread capace di oscillare in valori compresi tra 1 pip e 7 pip, sulle coppie di valute principali. Tutto quello che sta in mezzo a questi due estremi costituisce il livello di volatilità del mercato in quel preciso momento.

Come vedete, la scelta dello spread a tasso fisso non è sempre così scontata.

Broker Forex senza Commissioni

Abbiamo accennato ad una categoria di broker molto apprezzati dai trader: si tratta dei broker Forex che non applicano commissioni. Una situazione del genere si può verificare nel caso in cui il broker sia capace di generare profitto attraverso lo spread.

Questo vuol dire che ogni volta in cui il trader effettua una qualche operazione, questo genererà un determinato numero di pip che il broker richiederà. Ecco perché è così importante valutare con attenzione questo fattore, quando si sceglie il broker a cui affidarsi per il Forex online.

Di norma, i broker più convenienti sono quelli che hanno stretto rapporti con le grandi banche di cambio e che dispongono di una grande liquidità: un esempio è Plus500, la cui liquidità è garantita dalla quotazione sulla Borsa di Londra.

Lo slippage dei Broker

Continuando a parlare dei costi dei broker di Forex, è giusto affrontare anche un altro argomento, questa volta più tecnico: si tratta dello slippageanche detto “requote”.

Lo slippage è uno slittamento sul prezzo operato dal broker nel momento in cui si verificano situazioni di mancanza di liquidità nei mercati, oppure quando le condizioni del mercato risultino estremamente volatili. Quando un’operazione viene eseguita con un prezzo differente rispetto a quello offerto dal cliente, ecco verificarsi lo slippage (o requote): in questo modo si pagano più pip rispetto allo spread medio.

Noi di startborsa.com sottolineamo sempre l’importanza di una costante attenzione alle news finanziarie, specialmente quando si effettua trading a brevissimo termine. Questa operazione di aggiornamento costante può però risultare molto costosa: per ovviare è questo problema, la soluzione migliore è quella di rivolgersi direttamente al servizio di assistenza del proprio broker. Questo infatti sarà in grado di fornire indicazioni circa la sua gestione dei tempi delle notizie di mercato e, in alcuni casi, notizie circa i metodi che i trader possono adottare per evitare lo slippage.

Scegliendo di effettuare operazioni con uno spread fisso, il costo può essere più elevato ma, di contro si otterrà un’immediata esecuzione degli ordini, e dentro il margine di prezzo desiderato. Insomma, lo spred fisso è più costoso ma decisamente più comodo: un sistema dinamico di spread è estremamente variabile, data la sua dipendenza dalla liquidità di alcune coppie valutarie.

La soluzione? Affidarsi ad un broker che consenta al trader di scegliere tra lo spread fisso e quello variabile. In ogni caso, si tratta di una scelta di cui solo i trader più esperti possono valutare gli aspetti più tecnici.

I Broker ECN

Sappiamo che i broker non sono tutti uguali. Essi si dividono in varie categorie: una di queste si chiama ECN. I broker ECN offrono una soluzione intermedia al problema dello spread.

Essi infatti caricano al trader una piccola commissione (parliamo di circa 2 decimi di pip) a seconda dei servizi offerti, come ad esempio la trasmissione degli ordini ad un grande conglomerato di market maker. L’importanza di questo fattore deriva dalla possibilità di affrontare spread estremamente sottili quando ci si trova ad operare con grandi investitori. In altre parole, grazie a questa opzione sarà possibile contrattare in un ambiente decisamente più conveniente.

FAQ

Come guadagnano i broker del Forex?

Sostanzialmente il loro guadagno consiste nello spread che altro non è che la differenza tra prezzo d'acquisto e di vendita. Solitamente esso viene espresso in pip.

Che tipo di Spread applicano i broker?

Può essere di tipo fisso, variabile o a percentuale. La convenienza dell'uno o dell'altro tipo di spread dipende dal tipo di operazione che desideriamo porre in essere. A volte, contrariamente a ciò che si pensa, può essere più vantaggioso uno spread variabile rispetto a uno fisso.

Cosa si intende per Slippage?

Lo Slippage o requote è uno slittamento sul prezzo operato dal broker in situazioni particolari come: 1) mancanza di liquidità nei mercati, 2) le condizioni del mercato sono estremamente volatili. L'operazione viene quindi aperta a un prezzo differente rispetto a quello offerto dal cliente, si verifica lo slippage e l'utente pagano più pip rispetto allo spread medio.

Lezione 10 – Frattali nel Trading
Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro