Corso di Trading online per principianti [Introduzione]

Guglielmo Onio
June 3rd, 2022

Il trading online è un tipo di investimento che continua ad attirare sempre più persone per le opportunità che offre. Una volta che si imparano le basi, di solito si desidera approfondire il tema. Infatti, per investire nel trading correttamente non bisogna fermarsi alle conoscenze di base, ma bisogna anche capire quali sono le diverse strategie attuabili, come fare un piano di trading, acquistare dimestichezza con i termini più comuni, ecc. Per questo motivo abbiamo realizzato questo corso di Trading online con cfd semplice, alla portata di tutti coloro che desiderano approfondire il tema.

Ci auguriamo che questo corso CFD sia utile e di facile comprensione. Abbiamo cercato di essere abbastanza semplici nelle nostre spiegazioni e abbiamo svolto un attento lavoro di ricerca per garantire che sia i temi base che quelli di approfondimento siano accurati, confermati da trader e da fonti attendibili. Troverai molto utili anche gli esempi reali applicati su una vera piattaforma di trading, e i video inclusi in alcune lezioni. Nella parte introduttiva sul trading online esamineremo le basi e i vantaggi di questa opportunità di investimento relativamente nuova.

Iniziamo quindi spiegando le basi in questo corso sui CFD: cos'è il trading online.

Che cos'è il trading online di CFD?

Chi pratica trading online desidera acquistare o vendere CFD su strumenti finanziari e lo può fare accedendo ad una piattaforma di trading da un browser Internet, un programma per computer (software) o un'applicazione, al fine di sfruttare le opportunità che offre. Si possono acquistare e vendere CFD su asset come azioni, indici, criptovalute, futures, valute, obbligazioni, materie prime, ecc. In questo corso CFD vedremo anche quali sono alcuni dei principali fornitori di CFD e le loro piattaforme di trading.
Le piattaforme di trading CFD che presenteremo nel corso sono molto utili per seguire le lezioni e mettere in pratica quello che stai imparando, usando un conto demo. Tra queste piattaforme citiamo eToro, Capital.com e Plus500. Lasciamo il link per ognuna qui di seguito:

Vantaggi del corso di trading

Il trading online è un'attività che può essere svolta ovunque. Che sia da casa, dall'ufficio o da qualsiasi altro luogo, per fare trading si ha bisogno solo di un computer o un dispositivo mobile, una piattaforma di trading e una buona connessione internet (puoi usare il conto demo eToro, da qualsiasi luogo ti trovi). Come imparerai in questo corso CFD, è il vantaggio della preparazione a fare la differenza quando si tratta di trading.

Qui di seguito elenchiamo in breve alcuni dei vantaggi che offre il trading CFD, che approfondiremo poi nel corso: 

  • I CFD sono particolarmente adatti per il trading a breve termine, ovvero operazioni aperte e chiuse nell’arco della stessa giornata. 

  • L'investitore dovrà sostenere costi di commissione bassi (addirittura nessuna commissione per alcune operazioni), avrà accesso a informazioni accurate e dettagliate sull'andamento di qualsiasi asset o strumento finanziario, accesso ai mercati in generale e alla visualizzazione di grafici sul prezzo, ecc. Questo gli consentirà di prendere decisioni di investimento più consapevoli.

  • Fare trading CFD online attraverso piattaforme di trading (ad esempio eToro) consente di dedicare anche poco tempo al trading, in base alla strategia che si adotta. Questo si traduce in più tempo per altre attività quotidiane. Se non si può dedicare molto tempo a seguire le operazioni online, bisogna configurare ordini come stop loss e take profit attraverso la piattaforma. Ottimizzare le operazioni e automatizzare il processo ti eviterà di trovarti intrappolato in grosse perdite dovute a oscillazioni improvvise del mercato, subite perché non ti trovavi davanti al computer in un momento di incertezza.

  • Le piattaforme di trading CFD mettono a disposizione un'ampia varietà di strumenti finanziari su cui investire in base a diverse esigenze (gestione del rischio, capitale, obiettivi da raggiungere, ecc.).

Tipi di trading online con i CFD

Esistono diversi tipi di trading online. Molto dipenderà dal tempo che il trader decide di dedicare al trading. Tra le varie tipologie di trading online che prenderemo in esame in questo corso CFD ci sono le seguenti:

  • Scalping: l'apertura e la chiusura delle negoziazioni in un periodo molto breve (anche pochi minuti)

  • Intraday (day trading): l'apertura e la chiusura delle negoziazioni in singole giorno di negoziazione

  • Multiday trading (swing trading): l'apertura e il mantenimento di posizioni per diversi giorni (o operazioni a breve e lungo termine)

  • Operazioni di compravendita (buy and hold, carry trade, position trading): mantenere le attività in portafoglio per un periodo molto lungo (fondi pensione, fondi comuni di investimento, ecc.)

Come iniziare a fare trading online da zero 

Il trading è un’attività di investimento, quindi è rischioso e richiede competenze tecniche e psicologiche specifiche (imparare a controllare le proprie emozioni). Questo corso CFD ti permetterà di capire come acquisire le competenze di base per iniziare a fare trading sui mercati finanziari consapevolmente, anche da zero.

Tra i primi passi da compiere c'è anche prendere confidenza con i termini del trading online (molti dei quali sono in inglese). Vediamo il significato di alcuni dei termini che utilizzeremo nel corso CFD.

Glossario dei termini del trading online

Trend

Si riferisce alla “direzione del mercato”. Il mercato fa costantemente dei movimenti a “zig-zag”, cioè al rialzo e al ribasso, quindi il trend rappresenta la direzione di tali oscillazioni. Il mercato può avere tre direzioni (o trend): 

  • ascendente

  • discendente

  • laterale

Per un terzo del tempo, il mercato si muove senza trend. Pertanto, il nostro approccio tecnico dovrebbe essere duplice, ovvero seguire il trend negoziando Long (o una posizione di acquisto) in un trend rialzista, o “Short” (o una posizione di vendita) in un trend ribassista. Nei momenti in cui non è evidente una tendenza definita, sarebbe meglio restare “fuori mercato”. Come vedremo nella prossima lezione, la tendenza ha tre classificazioni: primaria, secondaria e terziaria.

Supporto statico

È un'area (spesso è rappresentata da una linea orizzontale) dove il prezzo di un'azione o di qualsiasi altro strumento finanziario tende a fermarsi mentre si trova in una fase discendente. È anche un'area di reazione ai minimi di mercato perché a questo livello di prezzo gli acquisti superano le vendite. Molte volte la rottura di un supporto di questo tipo ha effetti negativi sull'evoluzione futura del prezzo, a meno che non si tratti di una falsa rottura (ricordate che l'analisi tecnica non è uno strumento infallibile). Quindi, più volte viene testato il supporto, più importante sarà il segnale negativo di un breakout.

Resistenza statica

È l'area dove il prezzo di un'azione o di qualsiasi altro strumento finanziario tende a fermarsi quando si trova in una fase rialzista. È anche una zona di reazione ai massimi di mercato, dove la pressione delle vendite supera il potere d'acquisto. Ancora una volta, più volte e più a lungo viene testata la resistenza, maggiore sarà l'effetto positivo che avrà su un crossover.

Trading Range

Questa è la zona neutra in cui l'acquisto e la vendita sono uguali. È delimitato da un supporto statico e da una resistenza statica e rappresenta un periodo laterale nel mercato.

Media mobile

Si riferisce a una media dei prezzi. Sulla base delle serie temporali, la media mobile può essere calcolata in base al numero di periodi di osservazione. La media aiuta a definire le fasi di un trend.

Breakout o rottura rialzista 

Avviene quando viene rotta una resistenza. I risultati del breakout sono rialzisti e saranno più evidenti se:

  • la resistenza è stata rotta in modo significativo

  • il breakout si è verificato con volumi crescenti

Breakout o rottura ribassista

Si riferisce alla rottura di un supporto. I risultati del breakout sono ribassisti e saranno più evidenti se:

  • il supporto è stato rotto in modo significativo

  • il breakout si è verificato con volumi crescenti

Pullback e Throwback o Correzione

È la correzione dopo una rottura al rialzo o una rottura al ribasso. In genere, dopo la rottura di una resistenza, il mercato si troverà in un “take profit” che fa scendere i prezzi fino a quando la resistenza diventa supporto (ricordate che il prezzo è il risultato dell'offerta e della domanda, quindi una domanda inferiore derivante dalla raccolta di profitti, o la vendita degli strumenti, abbasserà il prezzo).

Un pullback, quindi, è un movimento di correzione contrario al trend principale, che può tradursi in un trend. Fondamentalmente, si può osservare un aumento dopo una forte tendenza al ribasso. Viceversa, un Throwback è un calo improvviso dopo una forte mossa rialzista.

Quest'area può rappresentare un'opportunità per nuovi acquisti sia da parte di acquirenti esistenti che di nuovi acquirenti, soprattutto quando i volumi sono in calo. Anche quando un supporto si rompe, si osserva spesso un pullback. In questo caso la correzione inizia a dirigersi verso il supporto, che quindi diventa resistenza. Se ciò accade a bassi volumi, potrebbe essere un buon momento per vendere allo scoperto.

Trendline [supporto dinamico e resistenza] 

È una linea retta che unisce due minimi (linea di tendenza ascendente) o due massimi (linea di tendenza discendente). Per essere significativa, questa retta deve essere verificata almeno tre volte. Cioè, se il prezzo rompe una linea di tendenza ascendente dà un segnale ribassista (short) mentre se rompe una linea di tendenza al ribasso dà un segnale rialzista (long). Più ripida è la linea, meno significativo è il suo attraversamento. In effetti, i segnali più forti si verificano su interruzioni di linea orizzontali o quasi orizzontali, vicine alle medie mobili di lungo termine.

Stop loss o chiusura in perdita 

Stop loss significa "bloccare le perdite" e rappresenta il livello di prezzo che sei disposto a subire come perdita quando apri una posizione long o short. Lo scopo dello stop loss è quello di evitare che una piccola perdita si trasformi in una grande perdita, se ci troviamo dalla parte sbagliata del mercato. Questo infatti potrebbe erodere gran parte del capitale di un trader, da qui si comprende l'importanza del suo utilizzo.

Take profit o prezzo obiettivo

Consiste nel livello di prezzo che, una volta raggiunto, determina automaticamente la chiusura della posizione in profit. In altre parole, definisce l'obiettivo di profitto al quale si intende chiudere l'operazione. Viene utilizzato per evitare che una posizione redditizia si trasformi in una perdita se il mercato dovesse successivamente invertire la sua direzione.

Stop and reverse

Si riferisce alla chiusura della posizione corrente e all'apertura di una nuova posizione contraria alla precedente.

Pip (Point in Percentage)

Il termine Pip è l'abbreviazione dell’inglese Point in Percentage o punto percentuale in italiano. Per la maggior parte dei crossover di valuta, un pip equivale a una variazione dello 0,01% o 1/100 dell'1%. Un punto base corrisponde a 1/100 dell'1% o, che è uguale, allo 0,01%. Tale percentuale, in termini assoluti, è pari a 0,0001.

In breve, un pip corrisponde all'incirca a $ 0,0001 per le coppie di valute relative al dollaro USA.

Altri termini comuni utilizzati nel corso CFD

  • Tendenza rialzista: consiste in una serie di massimi e minimi ascendenti.

  • Trend ribassista: consiste in una serie di massimi e minimi decrescenti.

  • A breve termine: operare da pochi secondi (scalping o intraday), fino a pochi giorni.

  • Medio termine: da 5 settimane a 3 mesi.

  • Lungo termine: da 4 a 12 mesi.

  • Forza relativa: è la performance o forza in relazione al mercato in generale o di un gruppo di attività in un determinato settore.

Tra i termini di trading online che dobbiamo conoscere e che utilizzeremo nel corso CFD ci sono i codici identificativi delle principali valute che fanno parte delle famose coppie. Questo codice è composto da tre lettere, di cui le prime due indicano la nazione e la terza l'iniziale del nome esteso della valuta.

Nomi e codici delle principali valute

  • USD (dollaro degli Stati Uniti) = Greenback o Buck: il primo soprannome deve il suo nome alle banconote che furono emesse durante la Guerra Civile Americana nel 1861, contraddistinte dal colore verde sul rovescio. Il soprannome "Buck" è meno chiaro. Probabilmente è un'abbreviazione del termine "buckskin", o pelle di daino, che veniva usata dagli indiani d'America come merce di scambio con gli europei ai tempi della frontiera (parola attestata fin dal 1748).

  • GBP (British Pound) = Sterlina: La sterlina britannica è ufficialmente chiamata "sterlina inglese", anche se a volte viene utilizzato solo "pound" o "sterlina". In particolare, il nome "sterlina" deriva dal periodo in cui la sterlina veniva valutata pari a una sterlina d'argento.

  • EUR (Euro) = Single currency o Fiber: Il soprannome di “single currency” (moneta unica) deriva dal fatto che è utilizzata in diversi stati. Il termine "fiber" deriva invece dal fatto che questa moneta è composta da fibre di puro cotone.

  • CHF (franco svizzero) = Swissy: Questo soprannome per il franco svizzero è dato anche alla coppia di valute USD/CHF.

  • CAD (dollaro canadese) = Loonie: soprannome dovuto al fatto che la moneta del dollaro canadese ha l'immagine di un loon, un uccello molto popolare in Canada.

  • AUD (dollaro australiano) = Aussie o Ozzie: questo soprannome deriva dal fatto che il termine "Aussi" indica un australiano. Soprattutto la coppia di valute AUD/USD è conosciuta anche in questo modo.

  • NZD (Dollaro neozelandese) = Kiwi: Il soprannome deriva dal simbolo nazionale della Nuova Zelanda, il “kiwi”, un genere di uccelli.

Introduzione al corso di trading online

Sapere cos'è il trading online, familiarizzare con alcuni termini usati di frequente e sapere che esiste più di un tipo di trading è solo l’inizio. Sapevi, ad esempio, che il trading online comporta grandi rischi, che possono però essere controllati con gli strumenti giusti? Conosci gli strumenti di analisi che possono essere utilizzati per fare previsioni di trading, come gli indicatori tecnici? Imparerai questi e altri aspetti importanti in questo corso di trading. Pertanto, ti invitiamo a iniziare con la prima lezione dal seguente link:

Lezione 1 - Cos’è la tendenza nel trading?

Se non lo hai già fatto, puoi aprire un conto demo gratuito e senza impegno con una delle piattaforme di trading che utilizzeremo per fare esempi di trading in questo corso CFD:

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro