Cos'è lo Spread? [Lezione 6]

Guglielmo Onio
June 23rd, 2022

Lo spread è la differenza tra l'offerta e la domanda (tra bid e ask) di un'attività finanziaria. Se hai sentito parlare dello spread nelle notizie economiche, potresti chiederti cosa sia esattamente e perché sia ​​così importante. Nel trading online, lo spread sulle quotazioni CFD rappresenta il profitto del broker sull'operazione, ovvero un costo di transazione.

Vedi questo interessante video:

Resta quindi inteso che i trader cercano broker con spread adeguati al loro profilo. In questa lezione risponderemo a diverse domande relative allo spread.

Alcune delle domande che analizzeremo sullo spread sono: 

  • Come viene calcolato? 

  • È sempre consigliabile un broker con spread bassi? 

  • Riesci a calcolare qual è lo spread di alcune piattaforme

  • Cosa significa PIP? 

Prima di rispondere a queste domande, spiegheremo cosa sono “Bid e Ask”, che costituiscono la base dello studio, delle strategie e delle analisi svolte in materia.

Per capire meglio cos'è lo spread e come viene calcolato, potrebbe essere utile tenere una piattaforma di trading aperta. Questo ti aiuterà ad assorbire meglio i concetti. Ad esempio, puoi utilizzare la piattaforma demo gratuita di Capital.com (se non hai già un account, puoi aprirlo anche da qui).

Cosa sono Bid e Ask nel trading online

Le quotazioni Forex sono espresse da bid e ask.

Vediamo nello specifico cosa sono:

  • “Bid” (offerta) rappresenta il prezzo al quale l'intermediario è disposto ad acquistare la valuta del numeratore in un determinato momento.

  • “Ask” (domanda) rappresenta il prezzo al quale l'intermediario è disposto a vendere la valuta del numeratore in un dato momento.

Inoltre, tieni presente che quando parliamo di una valuta scambiata nel mercato Forex ci riferiamo al prezzo di una valuta rispetto a un'altra. Ad esempio, se diciamo EUR/USD stiamo parlando dell'euro rispetto al dollaro, e il suo valore dipende proprio dal rapporto tra queste due valute. 

Quando fai trading di CFD Forex online, puoi sfruttare un possibile rialzo del dollaro (o un possibile ribasso dell'euro) aprendo una posizione “Buy”, ovvero “Long”. Ciò significa eseguire un ordine rialzista rispetto al tasso di cambio EUR/USD. Il trader chiude una posizione in profitto proporzionale al rialzo del tasso di cambio EUR/USD e all'eventuale leva finanziaria scelta.

Al contrario, si può approfittare di un possibile ribasso del dollaro (o di un possibile rialzo dell'euro), aprendo una posizione “Sell”, cioè “Short”. Ciò significa eseguire un ordine ribassista rispetto al tasso di cambio EUR/USD. Il trader chiude in profitto proporzionato al ribasso del tasso di cambio EUR/USD e alla leva prescelta.

In sintesi:

  1. Per investire nel rialzo dell'euro rispetto al dollaro USA, acquisteremo EUR/USD aprendo una posizione “Long” e guadagnando se il prezzo dell'euro sale (se il prezzo scende si incassano le perdite) .

  2. Al contrario, per investire al rialzo del dollaro, venderemo EUR/USD aprendo una posizione “short”, guadagnando se il prezzo dell'euro scende (se il prezzo dell'euro aumenta, ci saranno delle perdite).

Valuta di base e valuta quotata

Sebbene richieda tempo, è consigliabile cercare di memorizzare alcuni concetti. I termini "valuta di base" e "valuta di quotazione" sono ampiamente utilizzati nel trading online, in particolare "valuta di base".

Nel caso della coppia di valute EUR/USD, la valuta di base è l'EUR. Generalmente, la valuta di base è posta al numeratore ed è la prima ad essere letta nella coppia di valute. Pertanto:

  • BID è il prezzo di vendita della valuta di base rispetto alla valuta quotata

  • ASK è il prezzo d’acquisto della valuta di base rispetto alla valuta quotata.

Ricorda, per dare una definizione useremo sempre la valuta di base come riferimento.

Quando si utilizza una piattaforma di trading per CFD su Forex, lo si nota sempre il prezzo di acquisto (ask) e il prezzo di vendita (bid) per ogni coppia di valute. Inoltre, ti renderai conto che i prezzi saranno diversi e la differenza (spread o differenziale) tra loro rappresenta il profitto del broker per ogni operazione.

Ad esempio, visita la pagina Capital.com per scoprire lo spread delle valute Forex sulla piattaforma di trading (clicca).

Esempio di spread nel mercato Forex

Facciamo un esempio di acquisto EUR/USD (euro contro dollaro). Supponiamo che il prezzo BID sia 1.5000 e il prezzo ASK sia 1.5002. La differenza di 0,0002 rappresenta lo spread. In questo modo il broker comprerà a 1,15002 e venderà a 1,15000.

Per capirci meglio, quando sul grafico (rappresentato generalmente dal Prezzo Bid) il prezzo è a 1,5000 e viene aperta un'operazione di acquisto, l'apertura corrisponderà al livello 1,15002. Questo è il motivo per cui ogni volta che apriamo una posizione Long partiamo subito con una piccola perdita. Allo stesso modo, a seconda del broker, in fase di vendita non notiamo la differenza, ma la noteremo al momento della chiusura, poiché l'operazione verrà chiusa al prezzo Ask che è, come abbiamo visto nell'esempio precedente, di circa 0,0002 sopra il prezzo.

Alcuni broker fanno pagare lo spread direttamente al momento dell'apertura di un'operazione di vendita, ma non lo applicano alla chiusura dell’operazione.

Come si calcola il costo del Pip

Facciamo un esempio pratico matematico del costo del Pip:

Se abbiamo il capitale in dollari USA e stiamo per aprire un’operazione di 10.000 euro nella coppia EUR/USD, il valore di ogni PIP sarà 1 euro. Pertanto, la differenza è 0,0002 corrispondente a 2 PIP, il che significa che pagheremo 2 PIP * € 1 = € 2 come costo al broker. Se lo spread è di 3 PIP pagheremo € 3. 

Ma tieni presente che su molte piattaforme vengono visualizzate fino a 5 cifre decimali. Pertanto, potremmo incontrare un Ask di 1.20224 e un Bid di 1.20215 dove lo spread sarà 0.00009, ovvero 0,9 PIP. Ad esempio, se in un contratto da € 10.000 il PIP vale € 1, pagherai € 0,9. Ovviamente, se il contratto fosse di 1.000 dollari, verrebbero pagati 0,09 dollari.

Quando si fa trading con lo YEN giapponese (JPY), il PIP corrisponderà all'ultima cifra dei due decimali. Ad esempio, nella coppia USD/JPY con un Ask di 109,26 e un Bid di 109,25, lo spread sarà di 1 PIP. Può anche capitare che la piattaforma mostri i prezzi in centesimi. In tal caso l'Ask sarà 109.269 e il Bid 109.250 con uno spread di 1,9 PIP. Inoltre, dovremo scoprire quanto è il PIP nel tasso di cambio USD/JPY in base al contratto, e moltiplicarlo per 1,9.

Esempio di spread nei CFD su azioni

Come nel mercato Forex, nel mercato azionario lo spread è la differenza tra il prezzo Ask e il prezzo Bid. Ricordiamo che il prezzo Ask sarà sempre superiore al prezzo Bid.

Lo spread può essere fisso o dinamico. Ma nella maggior parte dei casi sarà dinamico perché dipende da diversi fattori. In questo esempio eseguiremo un ordine di vendita con CFD su azioni Tesla con il broker Capital.com. L'informazione di mercato che compare nella finestra a sinistra indica lo spread come “spread dinamico”. Per questo motivo ogni “tick” varia, cioè ogni volta che il broker riceve un nuovo prezzo dell'azione.

Dando un’occhiata all'immagine sottostante, ad esempio, abbiamo l'Ask a  667,54 e il Bid a 665,92, che appare correttamente come un differenziale dinamico di 1,62. Ora apriamo la posizione di vendita di CFD su azioni di 0.10. Si nota una cosa interessante: abbiamo appena aperto la posizione e il P/L (Profit/Loss) è negativo. Come mai? Perché lo spread è di circa $ -0,16, poiché non stiamo acquistando 1 contratto di azioni, ma 0,10. In tal caso, questa differenza deve essere divisa per lo spread di 10 (1,62 / 10 = 0,162 $).

Se dovessimo acquistare 2 contratti azionari, moltiplicheremo per 2 il differenziale 1,62 * 2 = $ 3,24. Mentre stavamo facendo questo esempio, lo spread variava da circa 1,49 a 1,70. Per questo motivo viene chiamato “Differenziale Dinamico”.

In sintesi, lo spread dipenderà da diversi fattori che intervengono sul mercato, come il numero di azioni, il momento, la liquidità, la volatilità, ecc.

Quando, dove e perché varia lo spread?

Lo spread varia a seconda della categoria dello strumento finanziario. In generale, nella piattaforma di trading online del broker troviamo materie prime, azioni, Forex, ecc., e per ogni prodotto un certo spread.

In questo modo, lo spread solitamente varia a seconda della volatilità del tipo di strumento, nonché del momento specifico. Ad esempio, il broker potrebbe decidere di aumentare il proprio spread in un momento di volatilità per un determinato asset. Come mai? Perché il profitto di un broker deriva dalle variazioni di prezzo, e maggiori e forti sono queste variazioni, maggiori sono i loro profitti.

Tra le diverse categorie di strumenti finanziari, lo spread più basso viene solitamente applicato al Forex, in particolare al cambio EUR/USD. 

Broker con spread bassi

In generale, più basso è lo spread, più è conveniente. Pertanto, è considerato un fattore positivo che un broker abbia spread mediamente inferiori rispetto agli altri.

Ma la "media" non dovrebbe essere così importante. In che senso? Ad esempio, se sei abituato a fare trading principalmente con un determinato strumento, l'importante è cercare di ottenere lo spread più conveniente per quel tipo di prodotto tra i diversi broker ed escludere gli altri.

Se invece sei abituato a fare trading con più di uno strumento, come oro, petrolio, valuta EUR/USD, indice NASDAQ, azioni, ecc., non è consigliabile cercare un broker con spread bassi per ETF o Bitcoin. Pertanto, è meglio fare un confronto con gli spread dei CFD che verranno effettivamente scambiati con un determinato broker.

I broker che menzioniamo spesso in questo corso (Plus500, eToro e Capital.com) hanno spread competitivi diversi sugli strumenti finanziari. Se lo desideri, puoi visitare la pagina di uno di essi per verificare lo spread.

Come puoi scoprire lo spread di un CFD?

Potrebbe non essere facile scoprire qual è lo spread applicato dal broker, ma proviamo a spiegare brevemente come farlo.

Per verificare lo spread di un determinato strumento, ricorda che ogni broker presenta le percentuali dello spread nelle informazioni sul rispettivo CFD. Pertanto, se decidi di negoziare CFD su azioni Amazon, cerca il nome di questa società sul sito ufficiale del broker, o in alternativa, direttamente sulla piattaforma di trading selezionando questo asset specifico e poi controlla nella finestra informativa corrispondente.

Ogni piattaforma che presentiamo nel corso, infatti, solitamente visualizza le informazioni CFD nelle corrispondenti finestre dello strumento o su pagine facilmente accessibili.

Allo stesso modo, il valore dello spread può essere dedotto manualmente dalla differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita di riferimento al netto dello spread sul mercato (anche se è più facile confrontare le percentuali mostrate nelle pagine di dettaglio degli spread offerte dal broker).

Ma lo spread è solo uno degli aspetti importanti da conoscere nel trading. Nella prossima lezione parleremo del Margine, altro tassello importante, e di come calcolarlo.

Lezione 7 Cos'è il Margine

AGGIUNTA PER L'ITALIA

Per conto in Euro.

Con conti in Euro dovremo osservare la seguente formula per calcolare il valore del pip per 1 lotto (1 lotto = € 100.000):

PIP in decimali = 0,0001

Dimensione di 1 contratto € 100.000

Tasso di cambio (EUR/USD) = 1,2037 (il 19/04/2021)

Valore PIP = (PIP in decimali * Dimensione di 1 contratto) /tasso di cambio

Valore PIP= (0,0001 * 100.000) / 1,2037 = € 8,30 ca. (con cambio 19/04/2021) o 10/cambio. Ovviamente se il contratto è inferiore, ad esempio 10.000€ lo divideremo per 10 mentre lo divideremo per 100 e se è 1.000€. 

Invece, 1 lotto GBP / USD è un cross valutario negoziato direttamente. Anche i contratti solitamente hanno un prezzo di 100.000 sterline e 100.000 dollari se dobbiamo pagare in euro. Diamo un'occhiata alle formule.

Per prima cosa dobbiamo conoscere il tasso di cambio EUR/GBP, essendo il nostro conto in euro, e se vogliamo calcolare il valore del pip per il resto delle valute, è opportuno annotare le variazioni in base a EUR, EUR/USD, EUR / GBP e EUR / XXX che appartengono a 7 major (USD, CHF, GBP, CAD, AUD, NZD, JPY).

Al 19/04/2021 la variazione EUR/GBP è 0,8605

Tenendo conto della variazione EUR/GBP e lasciando il contratto a 1 lotto, il calcolo sarà 10/0,8605 = € 11,62, che è il valore di 1 PIP.

Pertanto, per tutte le modifiche e anche quando la valuta di base non è EUR, terremo conto della modifica con la valuta quotata. Faremo altri esempi.

Per calcolare il valore del PIP in USD/CHF dopo aver annotato le variazioni in un foglio di calcolo, calcoliamo il tasso di cambio 10/EUR/CHF (che ad oggi 19/04/2021 è 1,1012) del PIP sarà 10/ 1.1012 = € 9.081. Lo stesso vale per la coppia USD/CHF.

Perché abbiamo fatto questo calcolo? Perché la valuta di base è in euro e vengono presi in considerazione la valuta quotata e il suo cambio basato su EUR (EUR / CHF).

Se troviamo una coppia che include lo YEN (giapponese) moltiplicheremo il risultato del Valore PIP per 100. Che si tratti di USD/JPY, EUR/JPY o AUD/JPY, va considerato il tasso di cambio EUR/JPY oggi. a 130.079 (al 19/04/2021). Ne risulta (10 / 130.079) * 100 = € 7,68 che sarebbe il valore del PIP.

Se lo desideri, ti sarà utile creare un foglio di calcolo che possa essere aggiornato ogni settimana (i cambi delle 7 major) o controllare sui siti web il valore del PIP in base alla valuta del tuo conto e alla coppia in questione. Se il deposito è in USD la formula sarà la stessa; Cambierà solo il fatto che il dollaro è quello quotato (XXX/USD) con il valore del pip fissato a 10$. Considerando che se USD è la base (USD / XXX), cercheremo il cambio della valuta quotata (la seconda valuta). Ad esempio se il valore del pip dell'EUR/USD per 1 lotto è di $ 10, nel caso di GBP/USD sarà comunque di $ 10, ma se vogliamo sapere quanto vale l'USD/CAD avremo per fare il seguente calcolo: 10 / Cambio (USD / CAD) (ad oggi 12 aprile 2021) 1,2537, cioè 10 / 1,2537 = $ 7,98, che sarà il valore del pip.

Guglielmo Onio

Video Maker ed esperto di mercati

Video Maker e creatore di tutorial, per startborsa.com si occupa della gestione del canale youtube e della creazione di contenuti multimediali volti ad avvicinare l'utente al mondo della finanza. Esperto nell'uso di software per l'editing video ed audio.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro