Lezione 20 – Correlazione tra Valute nel Forex

0
949
correlazione
correlazione

La correlazione tra valute è il rapporto tra gli andamenti del prezzo delle stesse quindi è la stessa cosa di correlazione tra cross valutari: l’unica differenza è che si applica alle coppie invece che alle singole valute. La correlazione è importante quando vogliamo investire sul Forex prendendo in considerazione più di una coppia valutaria, con l’intento di considerare le reazioni reciproche che si creano tra due o più elementi presi in considerazione.

In gergo tecnico, si parla di operatività. Una volta preso in considerazione di operare su due o tre cross contemporaneamente occorre considerare diversi fattori tra cui le correlazioni tra gli stessi. Per elementi intendiamo coppie valutarie ed è consigliabile prendere in considerazione poche coppie valutarie, al massimo tre. Infatti è consigliabile prendere in considerazione le correlazioni tra EUR/USD, USD/JPY e EUR/JPY, anzichè studiare le correlazioni tra queste e altre con GBP: questo ci complica la vita.

Elementi da Considerare

Quando studiamo tre cross valutari nello stesso momento dobbiamo prendere in considerazione i seguenti elementi:

  • Correlazioni tra gli stessi cross
  • Rollover
  • Andamento dei prezzi dei cross

Per il momenti prendiamo in considerazione solo il primo punto. Ricordiamo che il rollover è uno scatto giornaliero che ci permette di ricevere premi in positivo e in negativo per il mantenimento della posizione. È vero che già abbiamo sottolineato e spiegato questo concetto, ma è bene non dare per contato nulla.

Andamento dei Cross

Abbiamo visto che le caratteristiche che influenzano l’andamento dei singoli cross variano da coppia a coppia, quindi li dobbiamo sempre tenere in considerazione, soprattutto quando facciamo una correlazione.

Gli andamenti dei cross possono essere influenzati dalle condizioni economiche dei paesi delle valute di cui si compongono, dalle operazioni di carry trade, dalla diversità dei mercati che presentano, dai volumi delle transazioni e da altri ancora. Ognuno di questi elementi può influenzare e anche di molto la singola valuta. Vediamo nel dettaglio questi elementi.

  • Il carry trade è un’operazione finanziaria con la quale ci si rifornisce di fondi in un Paese con un costo del denaro basso (tasso d’interesse basso) e questi fondi vengono utilizzati in un Paese con un tasso d’interesse alto. Se ad esempio prendessimo in prestito degli yen e li pagassimo l’1% (basso), potremmo convertirli in AUD (Dollari Australiani) che rendono il 7-8%. È un’operazione conveniente ma che nello stesso tempo presenta un rischio dovuto al cambio.

    Può accadere, infatti, che prima della scadenza della nostra operazione speculativa in Australia lo Yen si rivaluta per più della differenza di rendimento: questa situazione è negativa per la nostra operazione perché andremo a perdere anziché a guadagnare. Il carry trade tuttavia tende a deprimere il cambio dello yen, poiché comporta la vendita di yen contro altre valute, esaltando così la convenienza dell’operazione. L’operazione di carry trade si fa esclusivamente quando i mercati sono favorevoli per l’assunzione del rischio appena menzionato.

  • La diversità dei mercati è data alle diverse strategie di import, export e produzione dovuti alla tipologia di materie prime di cui si dispone, alla tipologia di prodotti e alla domanda sia interna che esterna.

La strategia

La correlazione, quindi, è il trading su più coppie valutarie contemporaneamente. Per questo motivo, occorre seguire più da vicino le singole valute, quindi le coppie valutarie che le comprendono. La correlazione avviene per mettere a contrasto le diverse differenze che vi sono tra i vari elementi, così come per mettere in risalto i punti in comune ad esempio degli effetti in base a stesse causanti. Detto altrimenti, dobbiamo capire come si comportano le coppie valutarie in presenza di determinate condizioni.

È consigliabile operare con almeno tre cross di cui due direttamente o inversamente correlati e un terzo a copertura impostato su un’operazione con rollover positivo: quando facciamo queste operazioni dobbiamo sempre considerate anche i tassi di rollover. L’andamento dei prezzi e rollover è stato affrontato nella prima parte dell’articolo. Questi due sono elementi indispensabili per lo studio delle coppie valutarie e nella pianificazione di un investimento basato sulla correlazione tra valute nel Forex.

Tabelle di Correlazione

Per avere una visione completa ed comprensibile si utilizzano le tabelle di correlazione chiamate “Daily Correlation” o letteralmente Correlazione Giornaliera. Queste tabelle si leggono così: ci sono i cross su entrambe le linee, sia in quella orizzontale sia in quella verticale per creare dei punti di contatto. L’incrocio tra due cross uguali sarà 100. All’interno della tabella possiamo leggere sia dati in positivo che in negativo. Si possono usare le seguenti regole:

  • Se la correlazione è alta, ovvero il dato è sopra gli 80 e positiva (non vi è il segno -),  vuol dire che i cross valutari si muovono nella stessa direzione
  • Se la correlazione è alta, ovvero il dato è sopra gli 80 e negativa (vi è segno – ), significa che i cross si muovono nella direzione opposta (inversamente correlati)
  • Se la correlazione è bassa, ovvero il dato è sotto i 60, i cross non si muovono nella stessa direzione

Ad esempio, se il cross è USD/JPY mostra un dato (indice di correlazione) di -89 vorrà dire che si muove in direzione opposta a EUR/USD (100). Se il GBP/USD segna -40, vorrà dire che non si muove nella stessa direzione di EUR/USD. Ancora, se EUR/GBP segna 83, vuol dire che si muove nella stessa direzione di EUR/USD.
Di seguito un esempio di tabella di Correlation Daily o Correlazione tra Valute nel Forex.

La successiva tabella è un altro esempio.

Guardate bene la tabella: l’incrocio tra due valute uguali dà come indice di correlazione 100. I riquadri in rosa sono quelli negativi, quelli sotto i -60 sono marcati in rosa scuro. I riquadri superiori a 80 sono evidenziati in verde scuro.

Passa alla lezione successiva – Lezione 21 – Hedging nel Forex

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here