Lezione 2 – Quotazioni nel Forex

April 20th, 2021

Le quotazioni nel Forex sono i prezzi delle coppie valutarie. Questi costituiscono la base di tutte le operazioni, gli studi, le strategie e le analisi effettuabili su questo campo. Quando si parla di quotazione di una valuta nel mercato del Forex, si parla in realtà della quotazione di una valuta contro un’altra. Quando si parla di EUR/USD, ad esempio, si mettono in rapporto le due valute, quindi si ottiene Euro contro Dollaro.

Queste quotazioni sono espresse da due numeri, uno più alto e uno più basso.

Il numero più basso viene chiamato anche “denaro” o “bid” e rappresenta il prezzo al quale l’intermediario (market maker) è disposto in quel momento ad acquistare la valuta al numeratore.

Il numero più alto invece è chiamato “lettera” o “ask” e rappresenta il prezzo al quale l’intermediario (market maker) è disposto a vendere in quel momento la valuta al numeratore.

La differenza tra denaro e lettera (e quindi tra bid e ask) si chiama spread. Lo spread, quindi la differenza, rappresenta il guadagno del broker sull’operazione, e di conseguenza diventa per il trader un costo da sostenere (l’unico, quando si parla di trading online).

Esempio. Abbiamo 100 mila EUR/USD (quindi 100.000 Euro contro il Dollaro): potremmo avere una quotazione di tipo BID a 1.3500 oppure una quotazione di tipo ASK a 1.3502. La differenza di 0,0002 rappresenterà lo spread: il broker comprerà a 1,3500 e venderà a 1,3502.

Sempre riferendoci al nostro esempio, nel caso volessimo acquistare, compreremmo l’EUR/USD aprendo una posizione long (lungo) e guadagneremmo se il prezzo dell’Euro salisse.

Al contrario, aprendo una posizione short (corto) cioè di vendita, punteremmo sul ribasso e quindi guadagneremmo nel caso in cui il prezzo dell’Euro scendesse.

Sia gli utili che le perdite vengono sempre espresse in Dollari, USD, o in generale nella valuta al denominatore.

Valuta Base e Valuta Quotata

Per garantirvi una comprensione rapida e completa, vogliamo fissare determinati concetti che si ripeteranno frequentemente nel corso delle lezioni.

Partiamo con il definire i termini “valuta base” e “valuta quotata” o “contatore”. Si tratta di espressioni molto utilizzate nel mercato del Forex. Utilizziamo la coppia valutaria EUR/USD come esempio: qui la valuta base è l’Euro. Questo perché, generalmente, la valuta base è quella posta al numeratore, ovvero la prima che si legge, prima della barra divisoria.

Altri due termini importanti sono Bid Ask:

  • il BID è il prezzo di acquisto della valuta base conto la valuta quotata;

  • l’ASK è il prezzo di vendita della valuta base contro la valuta quotata.

Quando vi troverete a fare trading attraverso una piattaforma forex (ci dedicheremo alla presentazione di questo argomento in alcune lezioni successive a questa), per ogni coppia valutaria vedrete un prezzo d’acquisto (bid) e un prezzo di vendita (ask). I due prezzi saranno differenti tra loro: la differenza, ovvero lo spread, rappresenterà il guadagno del broker sulla singola operazione.

Qualsiasi piattaforma di negoziazione vi offrirà la possibilità di visualizzare in tempo reale il grafico della valuta base (bid). Non è detto però che troviate le stesse informazioni circa la valuta quotata, ma non preoccupatevi: non è importante perché nel caso in cui decidiate di vendere potete basare la vostra strategia sul grafico del bid, sperando che la quotazione scenda.

Un esempio di piattaforma di trading CFD per il Forex è la famosa Plus500.

FAQ

Cos'è la valuta base in una coppia di valute?

La valuta base è la valuta che sta al numeratore. Es. nel caso EUR/USD, la valuta base è l'EURO.

Cosa significa Valuta quotata?

La valuta quotata è la valuta che sta al denominatore, chiamata anche valuta secondaria o contatore. Nell'esempio dell'articolo è il Dollaro.

Cosa significano i termini Ask e Bid

Ask e Bid sono termini inglesi e si riferiscono a dei prezzi. Ask è il prezzo al quale l’intermediario (market maker) è disposto a vendere in quel momento la valuta al numeratore. Bid è il prezzo al quale l’intermediario (market maker) è disposto in quel momento ad acquistare la valuta al numeratore.

Lezione 3 – I Broker del Forex
Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro